Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dall’etichetta trasparente europea sparisce lo stabilimento di produzione

Etichette2Scatta da oggi la rivoluzione nelle etichette dei prodotti alimentari della Ue. Un’operazione trasparenza voluta da Bruxelles ben tre anni fa ma che oggi alimentano polemiche e accuse: si parla di appesantimenti burocratici eccessivi, dubbi interpretativi ma soprattutto dei danni al made in Italy arrecati con con la volontarietà nell’indicare il sito di produzione. Per la Ue il problema non esiste: il Governo italiano avrebbe dovuto attivarsi a Bruxelles per mantenere le regole nazionali. Nulla però impedisce che le aziende specifichino in etichetta che la produzione è stata realizzata nel nostro Paese.

In estrema sintesi, le novità introdotte dal Regolamento Cee 1169/2011, impongono: etichette più leggibili con scritte più grandi e più chiare; indicazioni sugli allergeni alimentari e sui tipi di grassi (tolleranza zero per generici “olio vegetale” o “grasso vegetale”); informazioni sulla provenienza delle carni suine, avicole, ovine e caprine, sul paese d’origine delle materie prime utilizzate e, per le congelate, la data di congelamento. Per i pesci si dovrà indicare il luogo di pesca.

Le norme Ue prevedono anche la tanto discussa volontarietà nell’indicazione del sito di produzione di un prodotto alimentare.

</span></figure></a> L’etichetta del bovino
L’etichetta del bovino

Fino a ieri obbligatoria per la legge italiana ma non da oggi per la Ue. Un danno per il made in Italy? Si doveva fare qualcosa in questi tre anni di transizione? Per alcuni si tratta di un danno enorme per il made in Italy: si lascia libertà di produrre in qualsiasi parte del mondo. Su questo fronte si schierano Asdomar, Sterilgarda, Caffè Vergnano, Pedon, Amica Chips insieme a Unes, Conad, Coop, Selex, Simply. E ieri alla Camera il Movimento 5 stelle ha presentato un’interpellanza urgente e una proposta di legge a sostegno del mantenimento dell’obbligo del sito di produzione in etichetta.

Da Bruxelles il responsabile degli affari europei di Federalimentare Paolo Patruno spiega che almeno un Governo italiano, di quelli che si sono avvicendati nell’ultimo triennio, “avrebbe dovuto chiedere e ottenere il permesso di mantenere la sua normativa nazionale. Questo non è stato fatto per varie ragioni, ma nulla vieta alle imprese di mantenere l’indicazione dello stabilimento di produzione sulle confezioni”.

  • Marco |

    Domenico siamo tutti coscienti che lo stabilimento di produzione è informazioe incompleta e non a caso molte delle aziende che hanno sottoscritto la petizione integrano questa informazione con altre anche sull’origine delle matieri prime. Nessuno peraltro ha fatto confusione con orgine.

    Questa è invece una battaglia di trasparenza perchè quell’informazione consentiva di conoscere almeno il luogo di confezionamento o di produzione.

    In un momento in cui i consumatori chiedono più trasparenza si toglie l’unico punto di partenza per incominciare ad indagare su cosa mangiamo e per fare scelte col portafoglio, per premiare realtà produttive socialmente attente.

    Questo è evidentemente un primo passo,un paletto cui far seguire altri paletti(quelli correttamente indicati lavorazioni e materie prime).
    Credo che il suo attacco lasci trasparire sempliceimente un diretto interesse per un percorso opposto.
    Legittimo ma che percorrettezza potrebbe dichiarare invece di nascondersi dietro a “retaggi anacronistici”.

  • domenico |

    Intanto lo stabilimento di produzione o confezionamento non significava proprio nulla in termini di trasparenza, né forniva informazioni sull origine, come cercano di millantare Coldiretti,Asdomar e vari gruppi GDO…esisteva un’opzione: chi evince cosa dalla indicazione dello stabilimento di CONFEZIONAMENTO?materie prime extra UE, produzione in uno dei qualsiasi altri 26 Paesi UE e confezionamento in Italia..quale informazione utile si è persa il consumatore? nessuna! Si travisa per informazione al consumatore il derivato di una norma di polizia sanitaria, retaggio anacronistico di un sistema esclusivamente nazionale che non ha più ragion d’essere obbligatorio.

  • Roberto |

    Intanto non acquistiamo i prodotti di chi non ha un’etichetta trasparente e si nasconde dietro alle indicazioni di Bruxelles. Già in passato si è dimostrato il modo più valido di far cambiare rotta ai produttori.

  Post Precedente
Post Successivo