Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Golosaria, 300 produttori di cibo e vino in vetrina al MiCo di Milano

</span></figure></a> Un’edizione di Golosaria
Un’edizione di Golosaria

Mancano pochi giorni all’inaugurazione della decima edizione di Golosaria, la rassegna milanese dedicata alle eccellenze gastronomiche italiane promossa da Paolo Massobrio e Marco Gatti.  Quest’anno la manifestazione è inserita nel palinsesto di ExpoinCittà. La manifestazione si terrà dal 17 al 19 ottobre al MiCo – Milano Congressi, uno spazio di oltre 12mila metri quadrati.

Per questa edizione, gli organizzatori promettono “300 produttori selezionati dal Il Golosario che metteranno in vetrina le loro specialità, ma anche le innovazioni in fatto di cibo e di vino. Sono attesi oltre 40 mila visitatori”.  Per la prima volta il programma di Golosaria sarà organizzato non soltanto per aree tematiche, ma proporrà anche tematiche giornaliere che permetteranno al pubblico di cogliere e seguire ancora meglio i diversi contenuti, ponendo particolare attenzione ai grandi temi di Expo”. Cosi sabato 17 ottobre è dedicato alla Tradizione e Conservazione dei saperi, mentre domenica 18 il focus si concentra su Stagionalità, start-up, risposte allo spreco e recupero degli avanzi. Lunedì 19 è dedicato alla Risorsa dei territori. Trasversale a tutte le giornate il tema del Benessere a tavola.

</span></figure></a> Il vino a Golosaria
Il vino a Golosaria

 

Il percorso
Le aree tematiche sono ispirate ciascuna ai media del “mondo Golosaria”. Si comincia con la guida e il portale “Il Golosario” che terrà a battesimo l’esposizione Food permanente di 150 produttori di cose buone, raccontate anche nei Lab con un focus privilegiato sul tema della conservazione degli alimenti, dai salumi ai formaggi alle mostarde lombarde e un’incursione tra i Maestri del gusto di Torino.

Intorno al “Gatti-Massobrio”, nuovo Taccuino nazionale ai ristoranti, si aprirà una giostra di cuochi sul palco dei Master. Mentre l’opera di carattere enologico “L’Ascolto del vino” sarà al centro del percorso wine con le 120 cantine che hanno ricevuto il riconoscimento Top Hundred. L’altra grande area di Golosaria è riservata alla cucina come luogo di lavoro e convivialità.

Nella balconata d’ingresso (piano rialzato) ritorna l’area Lounge con spazio alla “Cucina di strada” – interpretata dai professionisti del Golosario – dove i visitatori potranno rifocillarsi tra reinterpretazione di piatti della tradizionale e una scelta oculata di beverage.

</span></figure></a> Paolo Massobrio e Marco Gatti
Paolo Massobrio e Marco Gatti

Ci sarà spazio anche per Talk sulle start up enogastronomiche più virtuose di questi ultimi mesi, e su case history eccellenti di marketing territoriale vincente che svilupperanno il tema di Expo della quarta potenza, ossia la visione del futuro. Ad accompagnare Golosaria, in questa rassegna dedicata anche al “saper fare” tipico del made in Italy, saranno 30 partner: da Lauretana, l’acqua più leggera d’Europa, a Petra la linea di farina del Molino Quaglia fino alle grandi Dop, il Grana Padano; poi il settore dolciario con i panettoni di Albertengo, la pasticceria di Fiasconaro e Babbi e nel settore vini Gruppo Santa Margherita, birre Birrificio Antoniano, grappe Distellerie Berta.