Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Samsung

Per Samsung Italia un 2015 deludente: ricavi fermi in un mercato in ripresa

A Samsung Electronics Italia cade la linea. La controllata italiana del gigante globale coreano chiude un 2015 deludente: si ferma al 91% delle vendite pianificate nel business plan. Ma soprattutto registra cali del margine e dell’utile sia rispetto al 2014 che al 2013.

I ricavi totali crescono nel 2015 dello 0,3% a 2,9 miliardi, contro un’espansione del mercato dell’elettronica di consumo del 4,9% rilevato da Gfk. L’Ebitda di Samsung Italia si porta a 71 milioni (81,6 l’esercizio precedente) e l’Ebit a 42,7 milioni (64 milioni). L’utile netto si è quasi dimezzato scendendo da 80,8 milioni a 46,9 milioni. Si sperava di più.

Stop alla telefonia
In dettaglio, la divisione telefonia pesa per il 67% sui ricavi, l’audio video il 15% l’enterprise business l’8%, l’home appliances il 7% e ricambi e accessori il 3%.
La telefonia l’anno scorso ha aumentato il fatturato del  2,5% a 1,96 miliardi, il 95% dell’obiettivo. Benino gli smartphone (+1,6%), meglio i tablet (+28%). Nel complesso la telefonia Samsung ha una quota di mercato del 34,8% (dato Gfk), in calo sull’anno prima. Samsung ha risentito del lancio dell’iPhone6 della Apple. Lo scorso marzo però la multinazionale sudcoreana ha lanciato Galaxi S7.

L’audio video ha perso l’8,3% delle vendite a 444 milioni, soprattutto per lo scivolone delle Tv al (79% del business plan). In crescita il fatturato dell’enterprise business, in calo l’home appliances -1,5% a 205 milioni.