Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Un punto vendita Media World

Biffi, Verri, Melis e Orlandi lasciano Media World

Il direttore finanziario Stefano Biffi, il direttore degli affari generali Alessandra Verri, il direttore dei servizi generali Mauro Melis e il responsabile della comunicazione Marco Orlandi: sono probabilmente questi i nomi  dei manager che, da qualche giorno, hanno lasciato  Mediamarket Italia, la società che controlla la catena commerciale di prodotti elettronici Media World. La società non conferma né smentisce.

Perchè un piano di ricambio delle prime linee così radicale? La domanda non trova una spiegazione. L’azienda guidata da Joachim Rosges infatti rifiuta qualsiasi contatto con la stampa.

Eppure a Biffi erano stati confermati i poteri recentemente. Lo scorso 4 ottobre il consiglio di amministrazione di Mediamarket spa aveva revocato deleghe e rivisto i poteri degli amministratori. Presenti i consiglieri Serrati, Roesges, Biffi, De  Pilla e Mazzanti.  Secondo l’odg, il presidente Serrati aveva detto che “si rivedono i poteri degli amministratori al fine di adeguarli alle modifiche organizzative intervenute nel rispetto delle Guidelines of authorised signature del gruppo”. Tra gli altri, a Biffi era stato attribuito potere di firma fino a 500mila euro per singola operazione e diverse altre facoltà.

Com’è andato il 2016 per Mediamarket? I dati non sono ancora disponibili. Lo sono invece quelli del 2015.

Mediamarket spa ha chiuso il bilancio 2015 (al 30 settembre) con una crescita del valore della produzione del 2,3% a 2,35 miliardi; l’utile operativo è passato da -8,7 milioni a +9,2 milioni, con una perdita di 2 milioni, molto meno dei 13,3 dell’esercizio precedente. Il rosso è imputabile ai costi per la chiusura di 7 negozi e a quelli straordinari del personale. Questi ultimi sono aumentati di 15 milioni a 230,1 milioni.