Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
mutti5

Il mercato del pomodoro si sgonfia: Mutti consolida la leadership

Gli italiani consumano meno pasta e diversificano l’alimentazione con cibi salutisti ed etnici. E anche questo giustifica un 2016 nero per i produttori di conserve vegetali. Nel 2016 le vendite di derivati del pomodoro sono scivolate nella grande distribuzione (Iper+super+libero servizio) del 2,1% a 503 milioni e dell’1,2% a volume, con un prezzo medio contratto di circa l’1%.
Il mercato dei derivati del pomodoro è composto, secondo le rilevazioni Iri, per circa la metà dalle passate, per il 28% dalle polpe e per il resto da pelati, polpe e pomodorini. L’anno scorso solo le passate sono cresciute, dell’1,3% a volume e dell’1% a valore.
.

Chi sale e chi scende
Il consumatore però non ha penalizzato tutti i competitor: per esempio, nei Top 8 il leader di mercato Mutti è salito, secondo Iri, al 28,2% a valore (+1,7% di quota) e al 20,8% a volume (+1,4% di quota). Tutti gli altri (private label in particolare e poi Cirio, Star, Valfrutta, Divella, Pomì e Santa Rosa) sono arretrati a valore tra lo 0,2% e l’1%. Tra i meno grandi, meglio Petti (+1%) e stabile De Rica.
In un mercato in calo, Mutti è in controtendenza (+6,1%) grazie alle performance in segmenti come passate e polpe. Quale il segreto? «Certamente la qualità del prodotto offerta a poche decine di centesimi in più – risponde l’ad Francesco Mutti (nella foto) -. Quando apri la porta della qualità poi gli avanzamenti sono continui. E nel nostro caso è capire se riusciremo a trovare sempre nuovo pomodoro di qualità».
.
Conti ok
Nel 2016 il fatturato netto di Mutti ha superato i 260 milioni, +11%; l’Ebitda è salito da 25,4 milioni a 28,5. Lo sviluppo è trainato anche dall’estero, che segna un +20% e incide per il 30% sulle vendite. «In Italia – aggiunge Mutti – il consumo di pomodoro cala ma in Europa cresce». E infatti l’ingresso del fondo Verlinvest nell’azionariato di Mutti risponde all’obiettivo di agevolare e finanziare l’espansione internazionale. Mutti non nasconde che c’è un piano di «sviluppo di nuovi prodotti a base di pomodoro e un incremento della capacità produttiva in Italia», necessaria per supportare l’espansione internazionale.