Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Cibo2

Italia leader europea con 814 Denominazioni food e wine

Tutela e rilancio dei marchi Dop e Igp in tutta Europa significa preservare origine, territorio,
valore, diversità, identità e qualità del cibo. E’ questo il messaggio di Origo, ‘Geographical Indications’ Global Forum, il primo simposio internazionale dedicato al sistema delle indicazioni geografiche dell’Unione europea, apertosi a Parma, nella cornice di Cibus Connect.

A fine 2016 il comparto delle Dop e Igp ha toccato la cifra di 2.959 prodotti, di cui 23 extra Ue. Forse troppe per non creare confusione. Anche perchè il grosso è concentrato nella mani di 6 Denominazioni.

Leaderhip indiscussa
L’Italia detiene il primato europeo con 814 prodotti food and wine, primato che tra le Regioni è saldamente in mano all’Emilia-Romagna, con 44 prodotti Dop e Igp cui vanno aggiunti 30 vini.
“Nel 2016 le nostre esportazioni sono cresciute del 2,5% – ha spiegato il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini – sfiorando i 6 miliardi di euro. Le Dop e Igp ne rappresentano una voce importante e Origo è un’occasione preziosa di confronto, per far crescere ancora questo settore”.

Emilia Romagna al top
Secondo una classifica Qualivita-Ismea, che analizza l’impatto territoriale delle Indicazioni geografiche, su 20 province italiane prese in considerazione, 4 sono emiliano-romagnole: Parma, Modena e Reggio Emilia ai primi tre posti (rispettivamente con un valore di 1,135 miliardi, 622 e 544 milioni) e, dodicesima, Piacenza con 176 milioni di euro.