Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
tuttofood5

Aspettando Tuttofood, Milano Food City offre 320 eventi dedicati al cibo

Tutto pronto per Tuttofood 2017, il salone internazionale dell’alimentazione (a Milano dall’8 all’11 maggio), preceduto dall’avvio del Fuori salone: Milano Food City. Si tratta di una settimana con 320 eventi dedicati al cibo e alla cultura dell’alimentazione.
Gli organizzatori sono  Comune di Milano, Confcommercio e Regione Lombardia, in aperto sostegno a Fiera Milano che, da un lato, deve vincere la sua battaglia per affermare il capoluogo lombardo come capitale dell’enogastronomia italiana e, dall’altro, sfruttare il patrimonio di Expo 2015.

Peraltro Fiera Milano è depotenziata dal semi-commissariamento deciso dal tribunale di Milano e deve lottare, con una mano legata dietro la schiena, con Fiere di Parma (diventata annuale con Cibus Connect) e con Rimini Fiere che ha spostato, sovrapponendosi, Macfrut (dal 10 al 12 maggio).
.

Modello fashion
Milano Food City partirà il 4 maggio (4 giorni prima di Tuttofood)  e ricalcherà il modello collaudato del Fuori salone della moda e del mobile di design, con in aggiunta i grandi temi della corretta alimentazione e di una più equa distribuzione del cibo nel mondo.
Funzionerà? Probabilmente sì. Ma la vera partita si gioca sul piano del business, cioè sull’appetibilità che avrà Tuttofood per i buyer internazionali e l’interesse che susciterà Milan Food City per le aziende che cercano il contatto con il consumer.
.

Come il 2015
Intanto gli organizzatori del salone milanese diffondono dati rassicuranti  sull’interesse di Tuttofood 2017, quasi in linea con l’edizione record (dietro Colonia e Barcellona) di due anni fa in contemporanea con Expo: 180mila mq lordi di superficie espositiva, 2.850 espositori dei quali oltre 500 esteri (+10%), che incontreranno oltre 3.150 buyer profilati dall’Italia e dall’estero.

Secondo Giustina Li Gobbi, director di Tuttofood, “il ruolo della manifestazione come riferimento internazionale si conferma ormai strutturale, forte di una formula che si evolve a ogni edizione aggiungendo nuovi settori, focalizzandosi sui segmenti e target a maggiore crescita e aggregando competenze specialistiche da tutto il mondo agroalimentare. Un vero e proprio polo che coniuga le opportunità commerciali con la condivisione delle conoscenze ai massimi livelli”.