Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Bio1

La legge sui prodotti biologici arriva al Senato: piano d’azione nazionale

 

La produzione agricola biologica sarà “attività di interesse nazionale con funzione sociale, in quanto attività economica basata, tra l’altro, sulla qualità dei
prodotti, sulla sicurezza alimentare, sul benessere degli animali e sulla riduzione delle emissioni inquinanti”: lo prevede il testo sullo sviluppo e la competitività della
produzione agricola ed agroalimentare con metodo biologico approvato alla Camera e che ora passa al Senato.

Le novità
Varie le innovazioni introdotte. Si parte dalla equiparazione del metodo di agricoltura biodinamica al metodo biologico nei limiti in cui il primo rispetti tutti i requisiti previsti a
livello europeo per produrre biologico. Verrà poi costituito un Tavolo tecnico per l’agricoltura biologica, volto anche alla promozione dei prodotti biologici, e l’organizzazione di un
“Piano d’azione nazionale per l’agricoltura biologica”. E nascerà un “Fondo per lo sviluppo dell’agricoltura biologica”, con una riserva del 30% alla ricerca, alimentato dal 2%
del fatturato dell’anno precedente relativo alla vendita di prodotti fitosanitari. Anche nell’ambito della filiera biologica potranno essere costituiti “contratti di rete”, e viene prevista
la promozione di specifici percorsi formativi e di ricerca in campo biologico.

Gli incentivi
Ci saranno provvidenze per la promozione della formazione professionale nel settore, e nasceranno i cosiddetti “distretti biologici”, ovvero i sistemi produttivi locali nei
quali sia significativa la produzione con metodo biologico o con metodologie culturali locali.
Viene infine previsto che gli agricoltori che producono varietà di sementi biologiche iscritte nel registro nazionale delle varietà da conservazione nei luoghi dove tale varietà di
sono sviluppate hanno diritto alla vendita diretta ed in ambito locale e possono procedere al libero scambio delle stesse. Per le sementi non iscritte ad alcune registro evolute ed adattate
nell’ambiente di coltivazione è riconosciuto il diritto di vendita diretta agli altri agricoltori in ambito locale in una quantità limitata di sementi.