Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Ettore Nicoletto, ad di Santa Margherita

Santa Margherita si beve il Lugana di Cà Maiol. Fabio Contato presidente

Santa Margherita passa dalle parole ai fatti. Dopo il maxi investimento (14 milioni) per la società di distribuzione diretta americana, il gruppo della scuderia Marzotto si beve il Lugana.
La società veneta ha confermato l’acquisizione di Cà Maiol, una delle cantine più estese del territorio sul lato Sud del lago di Garda: 140 ettari di vigneto, di cui 25, quelli della Vigna Molin, già convertiti a biologico.
Santa Margherita ha acquisito tutti gli asset di Cà Maiol. Nel nuovo progetto, Fabio Contato sarà il presidente del Cda.
Cà Maiol faceva capo alla famiglia milanese Contato ma residente a Desenzano sul Garda. Le quote erano ripartire per il 52% a Fabio (52 anni), per il 24% alla sorella Patrizia (50 anni) e il restante 24% alla madre Cesarina Radaelli (77 anni). L’articolo 8 dei patti sociali, modificato giusto un anno fa, prevedeva che il trasferimento di quote possa avvenire soltanto con il consenso di almeno il 70% del capitale, compreso il cedente.

La cantina di Sanna
Secondo Winenews (giornale online di Alessandro Regoli), Santa Margherita avrebbe rilevato (o starebbe per rilevare) anche la Cantina La Mesa, di proprietà del pubblicitario Gavino Sa 70 ettari di vigneto nel Sulcis Iglesiente con una capacità produttiva di 500mila bottiglie l’anno. Santa Margherita, per ora, non conferma. Tuttavia è da almeno due anni che la multinazionale veneta era a caccia di cantine di pregio. Le buone intenzioni si sono scontrate con le difficoltà di negoziare spesso con famiglie i cui membri avevano orientamenti diversi.

Volàno americano
Nel 2016 i ricavi del gruppo veneto guidato da Ettore Nicoletto (nella foto) sono balzati da 118 a 157 milioni, quasi il 33% in più, con un Ebitda di 54,6 milioni. La crescita è stata abbastanza diffusa su tutti i mercati, ma l’avvio di Santa Margherita Usa, con 62 addetti mobilitati per la commercializzazione diretta dei brand della scuderia, hanno fatto schizzare i ricavi a stelle e strisce di quasi il 70%.