Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
McDonald's6

McDonald’s cambia strategia in Cina: lontani dalle grandi città e servizio a domicilio

McDonald’s volta pagina in Cina e a Hong Kong per superare la crisi. Big Mac cede la quota di controllo a Citic e Carlyle e i nuovi azionisti impongono un cambia strategia secondo il piano “Vision 2022”: raddoppiare il numero di punti vendita nel paese nei prossimi cinque anni, passando dagli attuali 2.500 a 4.500.
.

Il nuovo piano di crescita ribalta le vecchie priorità: ora ci si tiene lontani dalle grandi città e si scommette sulle aree meno sviluppate, dove saranno aperti il 45% dei nuovi punti vendita, di cui il 75% offrirà i servizi di consegne a domicilio.
.

Private equity al comando

A causa della crisi profonda, lo scorso gennaio McDonald’s ha ceduto l’80% delle attività in Cina continentale e a Hong Kong al conglomerato cinese Citic e al fondo americano Carlyle Group per 2,08 miliardi di dollari.
La transazione, in contanti e in azioni, ha generato una Newco che gestisce MacDonald’s in Cina: Citic ha in portafoglio il 52%, Carlyle il 28% e McDonald’s il 20%.