Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cirio3

L’altra storia di Cirio: non risparmio tradito ma un simbolo del made in Italy

Per Geronzi confermata la condanna a quattro anni di reclusione per il crack Cirio,  Cragnotti ottiene l’annullamento con rinvio alla Corte d’Appello di Roma per nuovo esame.

Ma per Maurizio Gardini, presidente di Cirio, le cronache giudiziarie di questi giorni ignorano un aspetto. “La tormentata storia giudiziaria di Cirio, che si trascina da 14 anni – ricorda –  è condannata ad autoalimentarsi. Così come la rabbia dei risparmiatori che nel 2003 videro dissolversi i loro risparmi”.

L’altra storia 
Ma c’è un’altra storia che “vogliamo raccontare – si sfoga Gardini – quella di Cirio che, nata prima dell’unità d’Italia, continua a essere protagonista nel paese e nel mondo. Un prestigioso marchio del Made in Italy che rischiava di sparire o poteva essere preda dello shopping straniero, ma è rimasto italiano. Tre volte italiano: lavora in Italia, pomodoro italiano, prodotto da 14mila soci produttori delle cooperative agricole italiane. Quelle cooperative che hanno salvato Cirio dal crac e aggregato la filiera produttiva del pomodoro all’indomani del default e che tra occupati diretti e indotto danno lavoro a 5.000 persone. È questa la storia che vogliamo continuare a raccontare grazie ai produttori delle cooperative agricole del nostro paese”.