Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
buitoni

La cura dimagrante di Nestlé: cede lo stabilimento della pasta fresca a Rana

Orami è chiaro Nestlé Italia si concentrerà su pochi business, sostanzialmnete cioccolato e pizze surgelate. Ed è giusto così visto che i risultati negli ultimi anni sono stati deludenti: 43 milioni persi nell’ultimo biennio.
Nestlé Italiana ha annuncia di aver sottoscritto oggi con Pastificio Rana l’accordo preliminare per la cessione del ramo d’azienda dello stabilimento di Moretta (Cuneo) alla società veronese, big internazionale nel mercato della pasta fresca. L’acquisizione riguarda tutti gli asset dello stabilimento e garantirà continuità occupazionale ai 190 lavoratori dello stabilimento piemontese.

La distribuzione
Contestualmente alla cessione del ramo d’azienda, Nestlé Italiana e Pastificio Rana hanno inoltre siglato un importante accordo di natura commerciale: dal closing dell’operazione il Pastificio Rana distribuirà e commercializzerà la pasta fresca e le salse a marchio Buitoni in tutta l’area Emena (Europe, Middle Est & North Africa), ad eccezione di Italia e Spagna, Paesi nei quali queste categorie a marchio Buitoni continueranno ad essere distribuite e commercializzate direttamente da Nestlé.

Il marchio Buitoni resta di proprietà Nestlé. E sembra di capire che Rana produrrà per il marchio Buitoni e lo distribuirà in Europa.

“Questa opportunità ci permette di espandere da subito la nostra capacità produttiva, aumentare i volumi e dare una risposta efficace a un mercato globale che ci vede crescere da oltre 25 anni con tassi medi superiori al 15% – dichiara Gian Luca Rana, ad del Pastificio Rana. Lo stabilimento di Moretta si aggiunge a quelli di San Giovanni Lupatoto, Paratico, Gaggiano e Pavia”.

Le cessioni
Negli ultimi due esercizi Nestle Italiana ha perso 43 milioni. Ma soprattutto ha ceduto il ramo d’azienda dei biscotti Ore liete, delle caramelle Rossana, dei gelati alla joint venture Froneri e dei surgelati La Valle Degli Orti, Mare Fresco e Surgela alla tedesca Frosta (lo scorso maggio). Tutti business con problemi di redditività. La cura dimagrante ha ridotto il fatturato di 130 milioni rispetto al 2014. Il portafoglio brand vanta Perugina, Buitoni, KitKat, Galak, Formaggino mio, Maggi, Polo, Nesquik, Nescafè Dolce gusto.

La nuova Nestlé Italiana è concentrata sul cioccolato con Perugina e sulle pizze surgelate Buitoni, nell’hub europeo di Benevento.

Nestlé nella bufera: Cgil, stabilimento di Moretta in vendita e autunno caldo